Coronavirus ultime notizie: medicina, economia e sport

Il Covid 19 si può sconfiggere, notizie ufficiali su un vaccino che porta alla guarigione o previene la malattia e il contagio non ci sono ma gli scienziati hanno riportato una notizia molto importante.

La scrive per primo il virologo Roberto Burioni sul suo account Twitter. In sostanza, il 100% dei pazienti colpiti dalla malattia sviluppa degli anticorpi contro il nuovo Coronavirus. Lo studio è cinese, firmato dagli scienziati della Chongquing Medical University. Ecco le parole esatte del virologo.

“Seppure in quantità variabili, i pazienti guariti da Covid 19 producono anticorpi contro il virus. Questo è bene perché rende affidabile la diagnosi sierologica e, se gli anticorpi fossero proteggenti, promette bene per l’immunità”.

Anticorpi e Covid 19: conseguenze possibili sull’economia

Si tratta di una notizia importante e che si unisce all’Ansa di una settimana fa su due farmaci su misura per il virus. I medici cinesi riportano proprio i numeri esatti. 285 pazienti su 285 pazienti con Covid 19, quindi parliamo del 100% dei guariti, sviluppano iGg (immunoglobulina antivirale) contro Sars-CoV-2 entro 19 giorni dall’inizio dei sintomi clinici.

In questo arco di tempo significa che il corpo sviluppa delle difese che aggrediscono l’agente microbico nel lungo termine. Da queste guarigioni forse si può partire per lo studio di un vaccino o di nuovi medicinali ma, soprattutto, si miglioreranno le cure per pazienti in terapia intensiva e le persone che già presentano i primi sintomi.

Tuttociò che finora abbiamo descritto si collega alla Fase 2, le decisioni del Presidente del Consiglio riferite alla Camera e al Senato, trasmesse tutti i giorni sui social network e in tv sono fortemente connessi ai bollettini medici sul numero di contagi e anche sulle nuove scoperte per affrontare il coronavirus.

Ed è quello che ha riferito Conte oggi, dichiarando effettiva la riapertura graduale di molte attività commerciali e un ulteriore allentamento delle misure dal 18 maggio sempre considerando le valutazioni di medici e scienziati.

“Il governo ha adottato da subito un indirizzo di merito e di metodo che prevede un costante confronto con il Comitato tecnico e scientifico, un principio di conoscenza scientifica nelle sue decisioni”.

Sport, calcio e lockdown: un settore particolarmente colpito dal Covid

L’attività sportiva è uno di quegli ambiti dove medici e scienziati, all’interno di comitati tecnici scientifici, hanno subito fatto capire le conseguenze di violazioni di quarantena e distanziamento sociale preventivo. Nel calcio sono stati molti i giocatori, i tecnici e gli allenatori colpiti dal nuovo Coronavirus, qualcuno è anche finito in terapia intensiva. Ci sono stati casi di giocatori guariti e tornati poco dopo con nuovi sintomi.

Im ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, subito dopo il discorso di Conte sulla Fase 2 ha chiarito che, rimanda al Presidente del Consiglio la decisione definitiva di riaprire i centri sportivi, di far riprendere gli allenamenti individuali o collettivi, il campionato di calcio. E su quest’ultimo argomento, proprio oggi è stata presa all’interno di Lega Serie B la decisione di non far riprendere subito le partite per il campionato perché richiedono almeno tre mesi di tempo per riorganizzarsi con gli allenamenti collettivi e individuali. Nella Serie A (Scommesse Sportive) invece, protocolli di prevenzione e comportamenti sul campo sembrano essere già stati scritti ma non ancora attuabili, la decisione di far riprendere in estate le partite di calcio anche in vista della Uefa non è stata ancora presa e molti sportivi e tifosi appoggiano il no alla ripresa del campionato 2020, il sì per le future competizione 2021 e 2022.

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*