La ristorazione on line

La ristorazione è senza dubbio uno dei settori dell’economia più colpiti dall’emergenza dovuta al Covid-19, e la situazione evolverà in modo progressivo, facendo presagire che un ritorno alla normalità potrà avvenire solo tra diversi mesi.

I ristoratori stano quindi operando un processo di trasformazione delle loro attività, affidandosi in particolare alle modalità di distribuzione consentite, come il delivery e il take away.

Il web sta diventando così un mezzo fondamentale per la comunicazione e la proposta, e tra i siti in prima linea su questo fronte troviamo Sluurpy, un portale interamente dedicato alla ristorazione e al food and beverage, che ha come missione quella di annullare ogni distanza tra ristorante e cliente, e ha tra le armi preferite la digitalizazione dei menù, che possono essere sfogliati direttamente sul sito.

Dall’inizio dell’emergenza Sluurpy ha potenziato la propria offerta, consentendo ai ristoratori di pubblicare a aggiornare gratuitamente il menù del proprio ristorante. Oltre a ciò, i ristoratori possono aggiornare le proprie informazioni, come ad esempio gli orari di apertura, il tutto sempre senza costi.

Sluurpy è nata nel 2013 da un’idea di Simone Giovannini, che ne è tuttora amministratore delegato.

Dal 2013 ad oggi l’azienda bolognese è cresciuta esponenzialmente, arrivando nel 2019 a servire oltre 12.000.000 di persone, contando su oltre 100.000 menù raccolti nel corso degli anni, e attualmente a disposizione degli utenti. La raccolta dei menù da parte di Sluurpy è un’attività costante, e ovviamente si è intensificata nel corso delle ultime settimane, nelle quali già molti ristoratori hanno accolto favorevolmente il servizio.

Permettere agli utenti di sfogliare in ogni momento e in ogni luogo il menù di un ristorante è da sempre un punto fermo di Sluurpy, che considera questa attività un passo fondamentale nella scelta del ristorante da parte degli utenti, i quali nel corso degli anni hanno dimostrato di apprezzare questo servizio, arrivando a chiedere in modo diretto la pubblicazione del menù da parte dei ristoranti che ne sono momentaneamente privi. Questo tipo di interazione è un esempio della visione di Sluurpy, che vuole annullare ogni distanza tra cliente e ristorante, arrivando a offrire un servizio ottimale per entrambe le parti.

Sluurpy si sta preparando a raccogliere la sfida di questi mesi, nei quali lo sfoglio del menù da casa assumerà un’importanza sempre maggiore, soprattutto nell’attività di take away, che per forza di cose diventerà core business per decine di migliaia di ristoranti. In questo modo si ridurranno drasticamente i tempi di permanenza dei clienti all’interno dei locali, e si eviterà che lo sfoglio fisico dei menù possa diventare canale di contagio.

Lo sfoglio del menù digitale direttamente dal PC, dal tablet o dallo smartphone, non deve necessariamente restare una prerogativa di questi mesi di transizione; il servizio di Sluurpy era presente prima dell’emergenza e lo sarà anche dopo, e l’abitudine a sfogliare i menù digitalmente, se mantenuta anche in seguito, consentirà agli utenti di informarsi adeguatamente in anticipo, non solo sui piatti, ma anche sugli ingredienti (importanti per persone intolleranti o allergiche), e ai ristoratori di aggiornare la propria offerta in modo più frequente.

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*