Organizzare traslochi low cost con le cassettine dell’ortofrutta

Traslocare Roma, o qualunque altra sia la città da cui o verso cui ci si deve muovere, può comportare delle spese anche considerevoli. Si pensi, solo per fare qualche esempio, alla necessità di chiamare una ditta di traslochi per mobili o altri oggetti ingombranti o al costo del carburante se si decidesse di utilizzare la propria auto di proprietà e, ancora, che qualche volta possono servire autorizzazioni e permessi, soprattutto se ci si deve muovere all’interno di aree centrali della città. Esiste un modo, però, per risparmiare un po’ sui costi di un trasloco ed è evitare spese inutili, come quelle per contenitori e materiali di imballaggio: perché acquistarli quando possono essere procurati praticamente a costo zero? Chi abbia a disposizione un budget (molto!) ridotto per il proprio trasloco a Roma farebbe meglio a considerare, insomma, ottime soluzioni low cost come, per esempio, utilizzare le cassettine di frutta e verdura per trasportare gli oggetti.

Come procurarti le cassette

Procurarsele è più semplice di quanto si possa immaginare. Ogni volta che si fa la spesa dall’ortofrutta, per esempio, soprattutto se si acquistano molti prodotti, si può chiedere che vengano sistemati appunto in una cassetta piuttosto che nelle classiche buste, scelta che è tra l’altro anche più attenta all’ambiente. La maggiore di fruttivendoli, specie di quartiere, non hanno problemi, poi, a regalare le cassette ai propri clienti che le chiedano per le loro esigenze. In alternativa, una buona idea è recarsi al mercato della frutta e verdura rionale o ai mercatini settimanali che vengono fatti in ogni città e aspettare l’orario di chiusura: quando vengono smontati gli stand, non è difficile trovarne di inutilizzate. Anche i supermercati, infine, potrebbero avere cassette per la frutta e la verdura in più, che non utilizzano e da poter dare a chi stia organizzando un trasloco: basta chiedere al reparto ortofrutta.

Come utilizzare le cassettine durante il trasloco

In che modo, però, contenitori come questi tornano davvero utili quando si tratta di traslocare? Roma o qualunque altra sia la città in questione, chi trasloca ha in genere molti pesi da spostare da un’abitazione all’altra e, no, non sempre i classici scatoloni di cartone servono davvero. Le casettine dell’ortofrutta, infatti, sono decisamente più resistenti e possono essere utilizzate per contenere qualsiasi tipo di oggetto, anche i più pesanti o ingombranti come libri, dvd, utensili della cucina, prodotti per il bagno, piatti e bicchieri e così via. Basta avere la solita accortezza di proteggere bene gli oggetti, specie quelli più fragili e che potrebbero rompersi durante il trasporto, e di usare fogli di carta appallottolati o cellophane e pluriball negli spazi vuoti per evitare gli urti involontari. Le maniglie laterali di cui sono dotate queste cassette, comunque, aiutano molto quando si tratta di spostarle da un punto all’altro.

Cosa farne dopo

Quando avrai finito il tuo trasloco, ci sono diversi modi per continuare a sfruttare le cassettine dell’ortofrutta. Si potrebbe provare a sistemarle in una scaffalatura, per riporre oggetti di varia natura in modo ordinato. Addirittura, si può provare a farle diventare una parete attrezzata, combinandole tra loro e dando loro la forma che più si ritiene utile.

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*