Università: i trucchi per affrontare al meglio gli studi

Frequentare l’università con i suoi corsi da seguire ed esami da sostenere è una vera e propria esperienza tutta da scoprire e vivere. Ovviamente questo percorso, nella sua novità, porta con sé numerose ansie e preoccupazione soprattutto da parte delle matricole. Per evitare di incorrere in errori che in qualche modo possono rallentare il percorso universitario, proviamo a scoprire quelli che sono i trucchi e consigli per affrontare al meglio gli studi accademici.

Prima di tutto è importante seguire le prime lezioni, vi servirà per entrare nella visione del docente ma soprattutto servirà a voi per comprendere come gestire lo studio, quali sono gli argomenti a cui il docente è “legato”. Non sorprende che i primi giorni di corso siano per le neo matricole delle vere e proprie bussole che serviranno per porre le basi nella preparazione dell’esame. Ciò vale sia se ci si immatricola presso un corso di laurea che si avvalga della metodologia didattica tradizionale sia che ricorra alla didattica a distanza. Inoltre, questo approccio non solo vale per i corsi di laurea triennale o magistrale ma anche per master universitari in modalità e-learning o in presenza.

Le pause sono fondamentali. Si commette spesso un errore: studiare in modalità full-immersion. Nulla di più sbagliato. È sempre bene prendersi dei momenti di riposo, svago, uscire per una passeggiata, vedere amici. Staccare serve non solo a voi, ma anche al vostro cervello, il rischio è cadere in una condizione di burnout.

Altro trucco da non sottovalutare riguarda il metodo di studio. È risaputo che ogni tipologia di facoltà ha il suo metodo. Mentre le facoltà scientifiche richiedono un approccio di studio incentrato su molte prove scritte, diversa è l’impostazione alla base delle facoltà umanistiche, dove spesso troviamo corsi di laurea quasi tutti con esami orali, come ad esempio il Dipartimento di Giurisprudenza. L’approccio metodico scritto e orale vale sia per gli atenei tradizionali sia per quelli in modalità e-learning come l’Unicusano.

Da evitare assolutamente sono le notti insonni. La notte è fatta per dormire, quindi no a studio in orari improbabili, sì per un riposino rigeneratore. Anche l’alimentazione è fondamentale, non solo è importante non appesantirsi, ma se si pensa alla sessione estiva è importante restare idratati, assumere cibi freschi e mangiare tanta frutta.

Quanto al materiale di studio, questo non va mai ricercato in corso d’opera. Il tutto va preparato nel momento in cui si decide quale esame si vuole sostenere. Ciò vi eviterà di trascorrere ore infruttuose sulla Rete con l’intento di trovare la dispensa magica che non sarà mai sufficientemente idonea a superare l’esame.

Hobby e attività piacevoli sono fondamentali. Prendersi cura di sé, coccolarsi o semplicemente rilassarsi è importante quando si studia. Ricompensare il lavoro fatto in giornata con qualcosa di piacevole non solo appaga lo studente ma serve per mantenere alta la motivazione.

“Non vedo, non sento” deve essere il motto di ogni matricola che vuole correre spedito verso la meta, la laurea. Non dare ascolto al chiacchiericcio di corridoio vi aiuterà a non tenere conto di quelle esperienze negative che spesso demoralizzano molti studenti. Ogni esame è un’esperienza assolutamente soggettiva.

Infine, tenere traccia delle domande degli esami già svolti vi consentirà di ottimizzare i tempi e comprendere, più o meno, quali sono gli argomenti più chiesti.

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*