Ventidue percento di italiani in meno sui social network: motivi, cause e conseguenze.

Ogni anno esce la classifica di quanti utenti sono stati persi dai social network, un dato recente indica che ci sono 22 % in meno di italiani che amano questi spazi digitali.

Forse si annoiano e quindi si staccano e scelgono siti web, piattaforme streaming o una vita meno attaccata a computer o device. Ci sono poi gli italiani delusi da Facebook, Instagram e altri social network che scelgono di abolirli dalla propria vita, boicottarli. Vediamo analisi e confronti più precisi.

Indagine Deloitte 2021: non solo social network

Per capire i numeri e le dinamiche dell’utenza dei social network è importante analizzare tutto ciò che riguarda l’evoluzione di smartphone, computer, ore passate sul web, attività preferite, incidenza. Lo leggiamo sull’Ansa, che parte proprio dalla percentuale di utenza con smartphone.

Partiamo da un fatto, quasi tutti gli italiani hanno uno smartphone e tra poco anche i neonati. Quindi, da questo dato partono delle considerazioni importanti. Nell’ultimo anno, si legge, il 73% delle persone in Italia che possiedono uno smartphone ha utilizzato su base giornaliera piattaforme social o app di messaggistica.

Spesso le piattaforme social sono utilizzate un po’ come un elenco telefonico per cercare persone, utenti che sono disinteressati a Facebook, Twitter o altri social si ritrovano a doversi iscrivere per sopperire alla manza di contatti importanti come numero di telefono, email. Magari poi si disiscrivono, diciamo che sono degli utenti social accidentali, c’è poi la maggioranza degli italiani e degli europei che passa molte ore a messaggiare o visitare pagine o account social oppure a scrivere e pubblicare post.

Qualcuno forse si annoia dopo tanto tempo, così ecco la scelta drastica: 22% di utenti in meno, 22% smette di utilizzare almeno una piattaforma social temporaneamente o in modo permanente. Sono proprio i temporanei gli utenti più interessanti anche per le aziende e per creare pubblicità e campagne marketing o comunicazione mirate.

Tre motivi principali ma forse anche di più

Leggendo l’Ansa si indivduano tre motivi importanti e seri per cui italiani, ed europei, si stancano del social network. Utenti stanchi dei contenuti, quando parliamo di contenuti non ci riferiamo solo a post ma anche a video, musica, fotografie, meme, elementi multimediali vari. Ebbene, tanta varietà ma alla fine gli italiani si staccano e scelgono magari di vedere più film (da Amazon Prime a Netflix o Disney Plus), decidono di dedicarsi a videogiochi e giochi da casinò gratuiti e non come quelli di www.jackmillion.info.

Le fake news sono stata la più grande delusione del web degli ultimi anni, il 25% degli italiani che rinunciano ai social network lo fanno per la falsa informazione che è circolata e ancora circola. Poi, problema che parte da Google e dalla sua struttura pubblicitaria, le preoccupazioni per la privacy, il 21% degli italiani che lasciano i social lo fanno per questo motivo.

Alla fine, fra tutti i motivi vince la noia come abbiamo scritto prima, 35% del 22% di italiani che lasciano i social network. Considerando l’età è importante sapere che i risultati di Deloitte trapelano da interviste fatte a ben 2000 persone tra i 18 e i 75 anni, una fetta sociale grande, varia, importante.

Volete leggere altre notizie e informazioni utili come questo articolo? Passate a trovarci su corrieredellanotizia.it

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*